Connect with us

Hi, what are you looking for?

- news, esclusive, approfondimenti e interviste su UFC, Bellator e tutte le MMA internazionali ed italiane

Storie di MMA

Quando un 18enne José Aldo distruggeva gli avversari coi soccer kick (video)

UFC – José Aldo è uno dei più grandi combattenti di tutti i tempi e quando deciderà di appendere i guantini al chiodo entrerà di diritto nella Hall of Fame UFC.

Durante la sua incredibile carriera ha battuto i lottatori più forti della sua epoca. Fra le sue vittime più illustri ci sono per esempio Frankie Edgar (sconfitto due volte), Urijah Faber, Chan Sung Jung, Cub Swanson, Chad Mendes (sconfitto due volte), Ricardo Lamas, Mark Hominick, Kenny Florian, Jeremy Stephens e Renato Moicano.

Un campione pazzesco che ha rappresentato per anni la storia della categoria dei pesi piuma UFC di cui è stato campione in ben due occasioni. Nel corso del suo primo regno, protrattosi dal 2010 al 2015, ha collezionato nove difese titolate prima di essere detronizzato da Conor McGregor, ad oggi l’autentica criptonite nella carriera dell’asso brasiliano. Perché ci sono state altre sconfitte, è vero, ma l’irlandese è stato l’unico ad entrare nella testa di Aldo in maniera così roboante.

Per diventare uno dei lottatori più famosi al mondo il piccolo José è dovuto partire da molto lontano, ovvero da un’infanzia fatta di rinunce e povertà. Un percorso in salita dal quale è riuscito ad emergere grazie soprattutto alle vittorie ottenute da giovanissimo nei circuiti di Valetudo. Un mondo a sé dove la violenza estrema di quei combattimenti è servita per gettare le basi della disciplina moderna che oggi tutti conosciamo e apprezziamo.

Ed è proprio da quegli anni selvaggi che vi mostriamo alcuni video di un José Aldo 18enne agli inizi della carriera. Una sorta di demone in pantaloncini che si scaraventava sugli avversari a suon di “Soccer Kick” (ndr. calci alla testa che, in quegli anni, erano ancora permessi in diversi circuiti, soprattutto in Brasile).

Una brutalità estrema che lo ha fatto diventare ben presto “Scarface”, uno dei lottatori più temuti del pianeta. Un autentico spauracchio per tutti gli avversari, e non solo per quel viso da cattivo dei film con tanto di cicatrice sul volto (frutto di un incidente domestico quando era piccolo), ma anche e soprattutto per la sua incredibile ferocia.

Gli anni però trascorrono per tutti e anche José Aldo non è esente dagli effetti del tempo. Non a caso nell’ultimo periodo il brasiliano ha subito una leggera flessione che lo ha allontanato per un po’ dai piani alti.

Nonostante questo Dana White ha deciso comunque di dargli una nuova chance per brillare. Aldo infatti si giocherà le sue possibilità di diventare campione dei pesi gallo il prossimo 12 luglio a Fight Island. Sulla sua strada troverà Petr Yan, un avversario giovane e affamato proprio come lo era lui agli inizi della sua carriera.

Una sfida da seguire con molta attenzione perché rappresenterà il momento della verità per entrambi oltre che l’ultima occasione per Aldo di dimostrare, a 33 anni, di essere ancora il campione di un tempo.

4 Comments

4 Comments

  1. Anonimo

    3 Luglio 2020 at 3:57 pm

    Possibilità di Aldo 0,1%

  2. Pingback: UFC 251, José Aldo: "Yan? Lo manderò KO, vincerò in bello stile"

  3. Pingback: UFC, Figueiredo è il nuovo re dei mosca. Hermansson beffa Gastelum

  4. Pingback: UFC, chi è Deiveson Figueiredo? Conosciamo il Re dei flyweight (VIDEO)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Ti potrebbe piacere

UFC

Mike Perry – UFC ha rilasciato un comunicato ufficiale in merito alla rissa in cui è stato coinvolto il peso welter Mike Perry. I...

Altre Promotion

Wanderlei Silva, chiamato anche “The Axe Murderer” (l’assassino con l’ascia), può essere considerato uno dei migliori pesi medi della storia delle MMA internazionali. Il...

Altre Promotion

Mike Tyson – Da qualche giorno gira sul web un video di Mike Tyson alle prese coi colpitori insieme all’Head Coach della Kings MMA...

Altre Promotion

Mike Tyson è tornato per davvero. Dopo tante chiacchiere, filmati in cui mostrava la sua forma eccezionale , una parentesi da coach e speculazioni...

Storie di MMA

UFC – Continuano gli aneddoti su Georges St-Pierre. L’ex fighter canadese ha rivelato giorni fa come, paradossalmente, non si sia mai divertito combattendo.  Del...

Altre Promotion

Brock Lesnar raccontato da Simone Altrocchi  2 Giugno, 2007. Los Angeles. Dynamite!! USA. La medaglia d’argento nel Judo di Atlanta 1996 Kim Min-soo viene...

UFC

One – Vitor Belfort pensa che sia tempo di cambiare. Il quarantatreenne, leggenda delle MMA, sta per avviarsi alla tappa finale della sua storica...

Storie di MMA

UFC – Il cliché che i fighters siano personaggi pericolosi sempre pronti a fare rissa è uno scotto da pagare per chi ama le...

Altre Promotion

Pride – Oggi si torna nell’ormai 2003, esattamente in un incontro che è entrato nella storia delle Mixed Martial Arts mondiali. Si parla del...

Altre Promotion

Mike Tyson – L’impossibile, a volte, può diventare possibile. Un mantra che negli sport da combattimento è sempre più attuale grazie ai sogni che...

Altre Promotion

WBC – Bridger Walker, bambino di 6 anni originario di Cheyenne, Wyoming (USA), è diventato l’eroe della sua comunità dopo aver difeso la sorellina...

UFC

UFC – Mike Perry ha preso a pugni un altro civile. Dopo aver colpito un ubriaco qualche mese fa, dopo alcune schermaglie, questa volta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: