Connect with us

Hi, what are you looking for?

- news, esclusive, approfondimenti e interviste su UFC, Bellator e tutte le MMA internazionali ed italiane
adesanya costa
adesanya costa

UFC

UFC, Adesanya a Costa: “Ti ho fatto il tea bag perché te lo sei meritato”

UFC – Il rinnovato campione dei pesi medi Israel Adesanya ha voluto dare una spiegazione a quello che è successo dopo la vittoria contro Paulo Costa. Egli ha puntato l’attenzione su una presunta omofobia del brasiliano come motivo della sua accalorata reazione.

È vero che The Last Stylebender ha portato a casa una delle migliori vittorie per TKO della sua carriera quando ha finito Paulo Costa nel main event di UFC 253, tuttavia quello di cui si è parlato non sono stati i colpi o il gesto tecnico, ma ciò che è successo subito dopo.

Non appena l’arbitro ha fermato il match, con Paulo Costa a terra “montato” dal campione nigeriano, Adesanya preso dall’esuberanza, si è avvicinato all’angolo di Borrachinha e ha comunicato letteralmente al coach Eric Albarracin l’intenzione di voler eiaculare sopra tutti loro.

Sì, avete letto bene. 

Chiaramente la scena ha suscitato scalpore, sia per la serie di colpi pelvici inflitti da Stylebender, sia per le parole pronunciate ai coach dell’avversario appena “cavalcato”. Molti fan, media e fighter, hanno considerato questi gesti un tantino eccessivi.

A dare una spiegazione a tutto ciò però, è lo stesso Adesanya in un’intervista a Damon Martin di MMAFighting.com:

“Onestamente non me ne frega proprio niente di quello che stanno dicendo. In quel momento non ci ho nemmeno pensato, non lo avevo pianificato. Ci stava, è come quando giochi a Call of Duty e sciogli qualcuno con un headshot, poi vai là sul cadavere e premi su e giù, gli fai il tea bag, questo era il senso”.

Nell’ambito videoludico, fare il tea bag è una sorta di umiliazione, è come prendere lo scalpo, consacrare la vittoria e farne un trofeo. Si tratta di posizionarsi sopra l’avversario appena ucciso, piegandosi e rialzandosi velocemente, simulando un appoggiare i genitali sopra il nemico ormai steso.

Ma il campione nigeriano dà anche una spiegazione socio-freudiana del fatto:

“In realtà questa è omofobia. La gente si arrabbia, si chiede perché si fanno queste cose, che non si è uomini se si trolla qualcuno in questo modo. È perché si sentono loro stessi inadeguati, in sostanza mettono in discussione la loro sessualità”.

Quella portata avanti da Adesanya è effettivamente un’interessante teoria, sebbene in generale la clip “dell’ingroppata” non sia stata così apprezzata dalla community delle MMA. Il famoso commentatore Dan Hardy l’ha definita “volgare” e il povero Paulo Costa si è letteralmente infuriato quando successivamente ha rivisto la scena ripresa dalle telecamere.

Dal canto suo, il campione dei medi considera il gesto come parte del fight game, e se Borrachinha voleva realmente che non succedesse questo, avrebbe dovuto essere più rispettoso sin dall’inizio.

Queste sono le sue parole:

“Il ragazzo [Paulo Costa] ha sparato me**da su di me prima del match, mi ha insultato in diversi modi. Si aspettava che fossi delicato? Non sono uno str**zo, ma se tu lo fai con me, ti restituisco di tutto”.

Dietro al colorito battibecco, c’è comunque da menzionare il fatto che Israel Adesanya, attraverso un direct message su Instagram, si è voluto accertare delle condizioni della gamba di Paulo Costa dopo il match. Nonostante le buone intenzioni, il lottatore brasiliano sembrava comunque ancora vagamente turbato.

E voi come lo avete recepito questo gesto? Ha ragione Adesanya a considerarlo parte del fight game o vi sembra in ogni caso offensivo?

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Ti potrebbe piacere

Storie di MMA

UFC – José Aldo è uno dei più grandi combattenti di tutti i tempi e quando deciderà di appendere i guantini al chiodo entrerà...

UFC

Mike Perry – UFC ha rilasciato un comunicato ufficiale in merito alla rissa in cui è stato coinvolto il peso welter Mike Perry. I...

Altre Promotion

Wanderlei Silva, chiamato anche “The Axe Murderer” (l’assassino con l’ascia), può essere considerato uno dei migliori pesi medi della storia delle MMA internazionali. Il...

Altre Promotion

Mike Tyson – Quando bisogna chiamare in causa qualcuno per fare un paragone in termini di brutalità il primo nome in cima alla lista...

Altre Promotion

Mike Tyson – Da qualche giorno gira sul web un video di Mike Tyson alle prese coi colpitori insieme all’Head Coach della Kings MMA...

Altre Promotion

Lethwei – Il Lethwei è una delle discipline più brutali e violente del mondo. L’arsenale a disposizione dei combattenti è illimitato e al tempo...

Video

Mike Tyson è in forma, lo ha dimostrato alle figure con il maestro della KingsMMA Rafael Cordeiro. View this post on Instagram Alpha! @miketyson...

UFC

Conor McGregor – Eravamo rimasti con il fighter irlandese bloccato in circostanze particolari in Corsica e invece adesso lo ritroviamo in una palestra a...

Altre Promotion

Mike Tyson è tornato per davvero. Dopo tante chiacchiere, filmati in cui mostrava la sua forma eccezionale , una parentesi da coach e speculazioni...

UFC

Adesanya – L’aura di imbattibile che aleggia sulla figura di alcuni guerrieri è un qualcosa che si fonda sulle tante battaglie combattute. Alcune di...

Altre Promotion

Brock Lesnar raccontato da Simone Altrocchi  2 Giugno, 2007. Los Angeles. Dynamite!! USA. La medaglia d’argento nel Judo di Atlanta 1996 Kim Min-soo viene...

Storie di MMA

UFC – Continuano gli aneddoti su Georges St-Pierre. L’ex fighter canadese ha rivelato giorni fa come, paradossalmente, non si sia mai divertito combattendo.  Del...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: