UFC 250, O’Malley: “Devo migliorare, potrei essere campione entro pochi anni!”

UFC 250, O’Malley: “Devo migliorare, potrei essere campione entro pochi anni!”

6 Giugno 2020 1 Di Redazione
Devi aggiungere un widget, una riga o un layout precostruito per poter vedere qualcosa qui. 🙂

UFC 250 – Sean O’Malley (11-0, 3-0 UFC) è apparso assolutamente fenomenale durante UFC 248 di marzo, guadagnando il bonus per la “Performance of the Night” con un TKO (head kick e colpi) al primo round su Jose Quinonez (8-4, 5-3 UFC).

Nonostante l’ammissione di avere offerto uno spettacolo praticamente impeccabile, O’Malley ha dichiarato di non aver mutato il suo impegno a migliorarsi come fighter.

“Per quanto riguarda le prestazioni, non credo che avrebbe potuto andare davvero meglio”, ha dichiarato O’Malley a MMA Junkie. “Ma so che devo ancora migliorare. Voglio essere campione del mondo – non voglio solo vincere un paio di combattimenti, perderne altri, per poi tornare a vincere. Voglio continuare a vincere. Credo di poter continuare a vincere e combattere contro i migliori”.

“Non sarei mai in grado di migliorare altrimenti, quindi sono appena tornato alla lavagna per migliorarmi”.

È stato un’impressionante ritorno all’azione per O’Malley a seguito di un’estesa disputa legale con l’Agenzia Antidoping degli Stati Uniti e la Commissione Atletica del Nevada. Il 25enne bantamweight non ha “perso colpi”, riprendendo esattamente da dove aveva lasciato due anni prima.

O’Malley torna di nuovo solo tre mesi dopo per affrontare Eddie Wineland (24-13-1, 6-7 UFC) a UFC 250 di sabato, che si svolgerà presso l’UFC Apex di Las Vegas, Nevada.

O’Malley insiste sul fatto che il suo rapido ritorno non riguarda il tentativo di recuperare possibili guadagni persi durante i suoi due anni di stop forzato, ma spera semplicemente di tenersi il più occupato possibile.

“Per quanto riguarda le mie finanze – sto ancora aspettando di ricevere i miei cinquantamila dell’ultimo combattimento, quindi ne avrò due in arrivo”, ha detto O’Malley. “No, davvero, se non avessimo avuto l’opportunità di combattere per tutti i soldi che possiamo fare noi [fighters], continuerei a combattere ugualmente. Adoro combattere. È la mia passione”.

“Ho partecipato a più di 30 combattimenti da quando avevo 16 anni, che si tratti di kickboxing, boxe o MMA, Amatore e professionista, ho avuto oltre 30 combattimenti e sono abituato a combattere ogni paio di mesi. È così che è stata tutta la mia carriera, a parte quei due anni in cui son dovuto rimanere fermo. Quindi essere in grado di combattere ogni paio di mesi sarebbe l’ideale per me”.

Ovviamente, gli ultimi tre mesi sono stati totalmente diversi da qualsiasi altro tratto di memoria di 90 giorni. Le sfide dell’attuale pandemia da COVID-19 hanno cambiato la vita di quasi tutti in tutto il mondo, ma O’Malley ha dichiarato che ciò non ha avuto un grande impatto su di sé, soprattutto da quando il presidente UFC Dana White gli disse a marzo di essere pronto per un rapido ritorno.

“Per quanto riguarda il mio programma giornaliero, nulla è cambiato”, ha detto O’Malley. “Gioco, mi alleno e mi rilasso. Niente nella mia realtà è stato diverso. Sono super concentrato sul migliorarmi dopo quell’ultimo combattimento. Devo solo migliorare. Sapevo che avrei combattuto probabilmente a giugno perché è quello che ho detto di voler fare alla promotion, e Dana stava organizzando quei combattimenti, quindi ho programmato di combattere a giugno e sono stato pronto per un po’”.

A Wineland, O’Malley affronterà un fighter 10 anni più anziano, nonché ex campione WEC. È potenzialmente un buon test per il prosieguo della carriera di O’Malley, ma lo stesso si sente estremamente fiducioso.

“Sicuramente sapevo chi fosse”, ha detto O’Malley del suo avversario. “Conoscevo i tatuaggi e lui veniva preso a calci in testa da Renan Barao. Non sapevo troppo di lui, quindi sono andato a guardare un po’ di un incontro che penso abbia avuto con Frankie Saenz, ne ho visto solo due minuti e mi sono visto mandarlo knockout. È stato facile da indovinare”.

“Sono pronto per andare in guerra. Sono pronto per 15 minuti di battaglia, ho la stessa sensazione che ho avuto quando ho combattuto con David Nuzzo, che arriverà un knockout da paura. Sento che è l’occasione perfetta per fare davvero un po’ di rumore. Ho un sacco di finalizzazioni che non ho ancora avuto modo di mostrare, quindi sono entusiasta. Penso che entrerò e finirò il lavoro”.

Per l’uomo noto come “Sugar”, un simile risultato sarebbe sicuramente un grande risultato, soprattutto data la grande attenzione sulla divisione bantamweight a UFC 250. I match chiave di Cory Sandhagen contro Aljamain Sterling e Raphael Assuncao contro Cody Garbrandt sapranno sicuramente dare alla divisione un nuovo look dopo UFC 250, ma O’Malley ha dichiarato che non è eccessivamente preoccupato di dove potrebbe finire dopo questa card.

“Non credo che le classifiche abbiano davvero troppo senso, e non penso che siano davvero troppo importanti sia che io sia classificato quindicesimo, quattordicesimo o ottavo”, ha dichiarato O’Malley. “Non contano sempre, quindi penso che con continuerò a combattere come ho sempre fatto e continuerò a crescere, questo è qualcosa che va oltre le classifiche”.

O’Malley ha sicuramente il tipo di supporto dai fan tale da potergli facilmente permettere di saltare davanti a uno o due fighters per grandi opportunità. Con i riflettori puntati su di lui che continua a crescere, O’Malley insiste che non ha fretta di prendere niente prima che se lo sia meritato.

Ma se le sue esibizioni continueranno a stupire, ci saranno pochi dubbi.

“Mi sento davvero a mio agio nel seguire il flusso non aspettandomi che succeda nulla”, ha continuato O’Malley. “Ricordo di aver fatto un’intervista quando ero con LFA dicendo che non ero davvero preoccupato di firmare per UFC fino a quando non avessi compiuto 25 o 26 anni. Non mi aspetto nulla, ma non mi sorprenderebbe nemmeno se una cintura mi fosse avvolta intorno alla vita molto più velocemente di quanto mi aspettassi. So solo che devo andare là fuori e combattere, e questo letteralmente consuma praticamente tutta la mia energia: ciò di cui ho bisogno per fare quello che devo questo sabato sera”.

E O’Malley è sicuro che svolgerà il suo compito in modo impressionante a UFC 250.

“Knockout al primo round, di sicuro”, ha concluso O’Malley. “Assolutamente, al 100 percento”.