Connect with us

Hi, what are you looking for?

- News, esclusive, approfondimenti e interviste su UFC, Bellator e tutte le MMA internazionali ed italiane

UFC

UFC 250, le pagelle: 10 per la Nunes. Voti alti per O’Malley, Sterling e Garbrandt

UFC 250 – Doveva essere una card stellare e così di fatto è stata. UFC 250 non ha tradito le attese offrendo match spettacolari e ad alto tasso di adrenalina.

La main card si è aperta con lo “Sugar Show” di Sean O’Malley che ha impiegato 1 minuto e 54 secondi per sbarazzarsi di Eddie Wineland. Giusto il tempo di gustarci qualche high kick e un paio di colpi in girata e poi ecco arrivare come una sentenza il colpo che ha deciso l’incontro. Un’autentica poesia quella disegnata da O’Malley che dopo aver fintato il montante ha scagliato con lo stesso braccio un diretto destro che ha spedito nel mondo dei sogni un duro come Wineland, al quale assegniamo un 4 per essersi fatto sorprendere così rapidamente. Un’azione comunque incredibile che entrerà sicuramente negli archivi dei migliori ko di sempre nella storia UFC. Un lascito destinato ad accompagnare O’Malley in questa sua ascesa sempre più orientata alla collisione con una chance titolata. Spettacolarità, tecnica e personalità: a Sean O’Malley non possiamo che dare un altisonante 9.

Nel match successivo Neil Magny e Anthony Rocco Martin hanno dato vita ad una contesa più equilibrata. Tre round di puro agonismo nei quali entrambi hanno dimostrato grande attenzione nella fase difensiva e una discreta voglia di attaccare soprattutto nelle fasi a parete. Ad aggiudicarsi la vittoria è stato Magny grazie soprattutto ad una maggiore consistenza nell’ultima ripresa. Un successo per decisione unanime senza particolari fuochi d’artificio e forse anche un po’ eccessivo. Ecco perché ci sentiamo di dare un 6.5 a Magny e un 5.5 a Rocco Martin.

E arriviamo dunque con la nostra analisi post UFC 250 al terzo match della main card. Una sfida, quella fra Aljamain Sterling e Cory Sandhagen, che poteva essere benissimo un main event di un qualsiasi UFC Fight Night vista la caratura dei due fighters impegnati. Uno di fronte all’altro infatti si sono ritrovati il numero 2 e il numero 4 del ranking dei pesi gallo. Ci si aspettava quindi grande battaglia e invece a risolverla in suo favore dopo soli 1 minuto e 28 secondi del primo round è stato Aljamain Sterling con una transizione fulminea da autentico predatore conclusasi con una rear naked choke che ha piegato le resistenze di Sandhagen. 19esima vittoria in carriera per l’atleta di origini giamaicane, la quinta consecutiva, e title shot che resta sempre lì alla portata. Voto 9 per Sterling, e non potrebbe essere altrimenti. Dietro la lavagna invece un distratto Sandhagan che si becca un inesorabile 4. In match così non si possono subire simili cali di concentrazione, soprattutto se appartieni ad una categoria letteralmente “on fire” come quella dei pesi gallo dove una vittoria o una sconfitta possono sconvolgere le gerarchie.

E’ il caso per esempio dell’ex campione Cody Garbrandt che ha dimostrato di essere tornato ai suoi livelli schiantando Raphael Assuncao. Per farlo ha scelto la via più spettacolare, ovvero un gancio destro sulla sirena del secondo round che ha spento la luce al brasiliano e mandato un segnale a tutta la categoria: in futuro ci sarà da fare i conti anche con Cody “No Love”. Voto 9 alla fenice Garbrandt. Voto 5 per il rischiatutto Assuncao.

Ora prendetevi un attimo, tirate il fiato dopo quanto letto fino ad ora e preparatevi ad entrare in un’altra dimensione, perché quando si parla di Amanda Nunes non si può fare altrimenti. Signori e signore alla lettura, siate consapevoli di essere testimoni della consacrazione della più forte artista marziale donna di tutti i tempi. Un’atleta unica che, oltre a dominare la classifica pound for pound femminile, presto potrebbe piazzarsi al primo posto anche in quella generale UFC. E non potrebbe essere altimenti visto che la brasilina fin qui è stata capace di incarnare ogni aspetto vincente delle MMA anzi, si potrebbe dire che Amanda Nunes è il poster generazionale di questa disciplina per la sua impressionante capacità di saper fare tutto. Chiedere per conferma a Felicia Spenser, demolita round dopo round da uno strapotere davvero difficile da contrastare. Un’opera di distruzione elevatasi nella terza ripresa con colpi sempre più forti, sempre più precisi, che sono continuati poi anche nei successivi round consumando le resistenze di una coriacea incassatrice come la Spencer. Al termine della quarta ripresa saranno 76 i colpi alla testa assorbiti dalla canadese che merita un 7 solo per il grande cuore dimostrato e per aver resistito per tutta la battuta di caccia della leonessa. Una mattanza dipinta su un volto che riassume nelle sue tumefazioni il carattere letale di una Nunes capace di dimostrare di non essere solo un animale da ko, ma anche una stratega dal cardio infinito in grado di lottare con intelligenza per 25 minuti senza mai calare d’intensità. Che dire, dare un 10 ad Amanda Nunes sembra quasi riduttivo, così come appare riduttivo attualmente tutto il roster femminile al suo cospetto.

5 Comments

5 Comments

  1. Pingback: UFC, Garbrandt: "Dillashaw? Sapevamo che si dopava"

  2. Pingback: UFC, Nunes: "Mi fermo, io e Nina stiamo per diventare mamme"

  3. Pingback: UFC, O'Malley: "Posso mandare KO Garbrandt, posso farcela al 100%"

  4. Pingback: UFC, Amanda Nunes: "Sarò una Hall of Famer, potrei già ritirarmi"

  5. Pingback: UFC, il caso Rohskopf: il coach si difende, l'avversario lo critica. E lui?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Ti potrebbe piacere

Altre Promotion

Mike Tyson – Da qualche giorno gira sul web un video di Mike Tyson alle prese coi colpitori insieme all’Head Coach della Kings MMA...

Storie di MMA

UFC – José Aldo è uno dei più grandi combattenti di tutti i tempi e quando deciderà di appendere i guantini al chiodo entrerà...

Storie di MMA

UFC – Continuano gli aneddoti su Georges St-Pierre. L’ex fighter canadese ha rivelato giorni fa come, paradossalmente, non si sia mai divertito combattendo.  Del...

Altre Promotion

Brock Lesnar raccontato da Simone Altrocchi  2 Giugno, 2007. Los Angeles. Dynamite!! USA. La medaglia d’argento nel Judo di Atlanta 1996 Kim Min-soo viene...

UFC

One – Vitor Belfort pensa che sia tempo di cambiare. Il quarantatreenne, leggenda delle MMA, sta per avviarsi alla tappa finale della sua storica...

Altre Promotion

Mike Tyson – L’impossibile, a volte, può diventare possibile. Un mantra che negli sport da combattimento è sempre più attuale grazie ai sogni che...

UFC

Novità emergono dalla vicenda Jon Jones. Il campione UFC è stato arrestato giovedì con varie accuse, tra cui guida in stato d’ebrezza e uso...

Altre Promotion

Mike Tyson torna sul ring, ma per una causa nobilissima. A 54 nni compiuti, “Iron Mike” rimetterà i guantoni per una esibizione da 3-4...

Storie di MMA

UFC – Ci sono scene che sembrano confinate a restare nei film. Eppure nella vita di tutti i giorni accadono episodi che spesso rasentano...

UFC

Marvin Vettori e Karl Roberson si incrociano nella hall dell’albergo di Jacksonville, sede d’alloggio dei fighter impegnati nella Fight Night di mercoledì 13 maggio,...

UFC

UFC – Intervenuto ai microfoni di MMA Junkie, Karl Roberson ha sostanzialmente chiarito quali fossero i problemi che lo hanno costretto a saltare il...

UFC

UFC – Volete vedere un video ufficiale del match tra Marvin Vettori e Karl Roberson? Perfetto: DAZN è venuto in vostro aiuto. Sul loro...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: