Connect with us

Hi, what are you looking for?

- news, esclusive, approfondimenti e interviste su UFC, Bellator e tutte le MMA internazionali ed italiane

Altre Promotion

One: chi è Alain Ngalani, gigante tutto muscoli pronto ad affrontare Belfort?

ONE Championship – La fisicità estrema e i muscoli troppo sviluppati non sono sempre sinonimo di successo negli sport da combattimento. L’apparenza minacciosa o il volume di bicipiti e pettorali, seppur emblema di forza nell’immaginario collettivo, possono tuttavia non risultare efficaci in termini di elasticità, resistenza e fluidità nei movimenti. Tutte caratteristiche importantissime se si vuole eccellere nel combattimento.

Eppure c’è chi è riuscito a coniugare tutto questo. Stiamo parlando di Alain “The Panther” Ngalani, fighter nato in Camerun nel 1977 passato alle cronache sia per il suo incredibile fisico sia, soprattutto, per le vittorie ottenute nella Kickboxing, nella Muay Thai e nelle MMA.

View this post on Instagram

Can’t cheat the grind !

A post shared by Alain Ngalani (@alain.ngalani) on

Attualmente Ngalani è uno degli atleti più rappresentativi della categoria dei pesi massimi di ONE Championship nonostante la sua ascesa sia stata interrotta dal nostro Mauro Cerilli che lo ha sconfitto nel marzo del 2019.

Battuta d’arresto a parte Ngalani è amatissimo nel continente asiatico dove sono da sempre attratti dai big man. Basti pensare per esempio all’amore viscerale nutrito negli anni per i vari Bob Sapp o Giant Silva i quali hanno dato vita ad autentici “Freak Show” ai tempi del Pride.

Ngalani però non è affatto un “freak”. Il suo percorso marziale è stato di tutto rispetto come dimostrano i quattro titoli mondiali conquistati nella Kickboxing e nella Muay Thai. Anche il suo fisico è il frutto di un lavoro coltivato giorno dopo giorno e rappresenta davvero qualcosa di sbalorditivo come si evince dalla routine di allenamento rivelata dallo stesso atleta.

La giornata inizia alle ore 8.00 con una seduta iniziale di stretching, mobilità ed esercizi di stabilità atti a prevenire gli infortuni e a preparare il corpo per l’intenso allenamento che seguirà dopo.

Fatta un’importante colazione subito dopo inizia il lavoro più consistente con cardio e potenziamento. Un esempio? Eccolo:

  • 15 sessioni di corsa in salita: 30 secondi sprint a 12km/h, 30 secondi pausa
  • 12 sessioni di corsa in salita: 30 secondi sprint a 13km/h, 30 secondi pausa
  • 9 sessioni di corsa in salita: 30 secondi sprint a 14km/h, 30 secondi pausa
  • 6 sessioni di corsa in salita: 30 secondi sprint a 15km/h, 30 secondi pausa

Successivamente:

  • 50 burpees, 10 medicine ball slams
  • 40 burpees, 20 medicine ball slams
  • 30 burpees, 30 medicine ball slams
  • 20 burpees, 40 medicine ball slams
  • 10 burpees, 50 medicine ball slams

Smaltito il carico con una bella doccia e reintegrato il tutto ingurgitando 6-7 uova più altre proteine e carboidrati, Ngalani si concede un piccolo riposo prima dell’allenamento del pomeriggio suddiviso in tecnica (in piedi e a terra) e sparring.

Il tutto si conclude alle 20.30, praticamente dopo quasi 13 ore di esercizio. La preparazione procede con un’altra sessione a tavola dove si cerca di ristabilire il giusto equilibrio metabolico viste le oltre 4000 calorie consumate durante tutto il giorno. Un mostro? No, si tratta della vita di ogni atleta che si rispetti. Per essere al top, bisogna allenarsi al top e Alain Ngalani, a 42 anni suonati, è l’esempio di tutto questo. Vitor Belfort è avvisato…

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Ti potrebbe piacere

Storie di MMA

UFC – José Aldo è uno dei più grandi combattenti di tutti i tempi e quando deciderà di appendere i guantini al chiodo entrerà...

UFC

Mike Perry – UFC ha rilasciato un comunicato ufficiale in merito alla rissa in cui è stato coinvolto il peso welter Mike Perry. I...

Altre Promotion

Wanderlei Silva, chiamato anche “The Axe Murderer” (l’assassino con l’ascia), può essere considerato uno dei migliori pesi medi della storia delle MMA internazionali. Il...

Altre Promotion

Mike Tyson – Da qualche giorno gira sul web un video di Mike Tyson alle prese coi colpitori insieme all’Head Coach della Kings MMA...

Altre Promotion

Mike Tyson è tornato per davvero. Dopo tante chiacchiere, filmati in cui mostrava la sua forma eccezionale , una parentesi da coach e speculazioni...

Storie di MMA

UFC – Continuano gli aneddoti su Georges St-Pierre. L’ex fighter canadese ha rivelato giorni fa come, paradossalmente, non si sia mai divertito combattendo.  Del...

Altre Promotion

Brock Lesnar raccontato da Simone Altrocchi  2 Giugno, 2007. Los Angeles. Dynamite!! USA. La medaglia d’argento nel Judo di Atlanta 1996 Kim Min-soo viene...

UFC

One – Vitor Belfort pensa che sia tempo di cambiare. Il quarantatreenne, leggenda delle MMA, sta per avviarsi alla tappa finale della sua storica...

Storie di MMA

UFC – Il cliché che i fighters siano personaggi pericolosi sempre pronti a fare rissa è uno scotto da pagare per chi ama le...

Altre Promotion

Pride – Oggi si torna nell’ormai 2003, esattamente in un incontro che è entrato nella storia delle Mixed Martial Arts mondiali. Si parla del...

Altre Promotion

Mike Tyson – L’impossibile, a volte, può diventare possibile. Un mantra che negli sport da combattimento è sempre più attuale grazie ai sogni che...

Altre Promotion

WBC – Bridger Walker, bambino di 6 anni originario di Cheyenne, Wyoming (USA), è diventato l’eroe della sua comunità dopo aver difeso la sorellina...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: