Connect with us

Hi, what are you looking for?

- news, esclusive, approfondimenti e interviste su UFC, Bellator e tutte le MMA internazionali ed italiane
UFC, Marvin Vettori e la sua evoluzione stilistica
UFC, Marvin Vettori e la sua evoluzione stilistica

UFC

UFC, l’evoluzione tecnica di Marvin Vettori dagli esordi ad oggi

UFC – Questo sabato a Las Vegas andrà in scena un momento assolutamente topico, sia per la carriera di Marvin che per le MMA italiche tutte. “The italian dream” sarà infatti il primo atleta nostrano a combattere sui 5 round in un main event UFC. Contro di lui Jack “the Joker” Hermansson, veterano attualmente al numero 4 dei ranking di categoria. Se Marvin dovesse vincere, parlare di title shot non sarebbe più un sogno.

Come si arriva da Mezzocorona ai vertici di una delle categorie più difficili della massima promotion mondiale? Il DNA sicuramente ha fatto la sua parte, ma nella crescita di Vettori come fighter non c’è niente di casuale. Se c’è una caratteristica che eleva Marvin dalla media dei suoi colleghi, è la capacità di lavorare incessantemente sul proprio arsenale alzando ad ogni camp l’asticella della performance in ogni fase del combattimento.

Fondamenta solide

Marvin Vettori stilisticamente nasce grappler. Una scelta naturale: forte di un’esplosività e di una capacità di mettere pressione fuori dal comune, Vettori costruisce la sua prima striscia di vittorie da pro asfissiando i propri avversari takedown dopo takedown. Le sue prime cinque vittorie arrivano infatti tutte per sottomissione. Voglio sottolineare come Marvin abbia evidenziato fin dagli inizi della carriera pro delle caratteristiche da grappler moderno: il suo stile di lotta è completo e solido in ogni fase del match. Soprattutto in quelle fasi che nelle MMA attuali finiscono per decidere i match, e che a volte hanno rappresentato il tallone d’Achille di altri connazionali in top promotion: mi riferisco alla lotta a parete e alla gestione delle transizioni, o scrambles che dir si voglia. Si tratta del bagaglio tecnico più strettamente discendente dal wrestling, a mio avviso tra i più ostici da metabolizzare per chi arriva da background diversi.

Nel panorama delle MMA moderne però (a maggior ragione ai piani alti dell’UFC) essere degli specialisti, sia pur eccellenti, non basta più. Per entrare nell’élite bisogna avere risposte convincenti in ogni fase del match, e questo Marvin lo sa bene. Sa di dover crescere. Una volta concluso il suo percorso in Venator ed archiviata l’esperienza londinese alla London Shootfighters attraversa l’oceano per approdare alla King’s MMA. Qui comincia l’avventura in UFC ed inizia ad emergere il Vettori 2.0.

Un incessante lavoro di cesello

Senza voler entrare nel merito dell’eterna (e sterile) diatriba sulla necessità per i fighter italiani di accasarsi presso team esteri più o meno famosi, è evidente come nel caso di Marvin il cambio di team abbia prodotto risultati tangibili. Sotto la guida di Rafael Cordeiro e grazie alla pressione di sparring partner di livello assoluto (Fabricio Werdum e Kelvin Gastelum, giusto per fare due nomi) lo striking di Marvin evolve di match in match. Sopratutto a livello pugilistico si evidenzia un salto di livello notevole. Le combinazioni trovano i tempi e le distanze giusti sempre più spesso e fanno danni, nonostante non producano ancora KO. Anche gli automatismi difensivi diventano funzionali: grazie ad una maggiore mobilità di testa e tronco diminuisce il volume di colpi incassati. La lettura degli spazi è più accurata e di conseguenza la gestione dell’ottagono. Anche l’utilizzo di low e middle kick diventa continuo ed efficace, sfruttati con continuità per chiudere le combinazioni e spezzare il ritmo degli avversari.

La padronanza delle nuove skills si è manifestata soprattutto a partire dal match contro l’attuale campione Israel Adesanya, ed ha dato i suoi frutti nei match contro Cezar Ferreira, Andrew Sanchez e soprattutto Karl Roberson.

La sconfitta per split decision contro the last Stylebender è stata paradossalmente un punto di svolta per Marvin: è stata la vetrina grazie alla quale ha potuto mettere in mostra le proprie qualità ad un pubblico più ampio, dimostrando di essere solido in ogni reparto.

L’occasione di una vita

Il Vettori che arriva alla sfida contro Hermansson è un fighter completo e maturo, che alle doti di grappler di livello ha aggiunto uno striking efficace ed una capacità di lettura dei match notevole. Tutto questo senza perdere per strada quelle qualità che non si possono allenare: un mento granitico ed una durezza mentale che ha pochi eguali anche nella top 15 UFC.

Il match up è di quelli difficili: Hermansson ha caratteristiche paragonabili a quelle di Marvin ma ha dalla sua un’esperienza superiore contro avversari di livello. Il grappling dello svedese è davvero di livello altissimo, e può vantare una delle ghigliottine più affilate dell’UFC. In piedi ha un buon timing e mani pesanti. D’altra parte, non ci si ritrova al quarto posto dei ranking per caso.

In questo tipo di match, spesso sono la cura dei dettagli ed un buon gameplan a fare la differenza. Servirà una prestazione maiuscola per portare a casa la vittoria, ma “the Italian dream” ha già dimostrato di potersela giocare con chiunque. Per una volta, sognare non è un reato.

 

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: UFC - I 5 migliori match di Marvin Vettori! Riviviamo l'ascesa del Lupo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Ti potrebbe piacere

Storie di MMA

UFC – José Aldo è uno dei più grandi combattenti di tutti i tempi e quando deciderà di appendere i guantini al chiodo entrerà...

UFC

Mike Perry – UFC ha rilasciato un comunicato ufficiale in merito alla rissa in cui è stato coinvolto il peso welter Mike Perry. I...

Altre Promotion

Wanderlei Silva, chiamato anche “The Axe Murderer” (l’assassino con l’ascia), può essere considerato uno dei migliori pesi medi della storia delle MMA internazionali. Il...

Altre Promotion

Mike Tyson – Quando bisogna chiamare in causa qualcuno per fare un paragone in termini di brutalità il primo nome in cima alla lista...

Altre Promotion

Mike Tyson – Da qualche giorno gira sul web un video di Mike Tyson alle prese coi colpitori insieme all’Head Coach della Kings MMA...

Altre Promotion

Lethwei – Il Lethwei è una delle discipline più brutali e violente del mondo. L’arsenale a disposizione dei combattenti è illimitato e al tempo...

Video

Mike Tyson è in forma, lo ha dimostrato alle figure con il maestro della KingsMMA Rafael Cordeiro. View this post on Instagram Alpha! @miketyson...

UFC

Conor McGregor – Eravamo rimasti con il fighter irlandese bloccato in circostanze particolari in Corsica e invece adesso lo ritroviamo in una palestra a...

UFC

UFC – Ci sono eventi destinati a rimanere nella storia. Il match fra Khabib Nurmagomedov e Justin Gaethje andato in scena il 24 ottobre...

UFC

UFC – La notizia del ritorno del reality The Ultimate Fighter ci ha portato alla mente una carrellata lunghissima di flashback delle stagioni passate....

UFC

UFC – Chute Boxe: un songo per alcuni, un incubo per altri. Tra gli “altri”, però, ci sono spesso e volentieri proprio gli stessi...

Altre Promotion

Mike Tyson è tornato per davvero. Dopo tante chiacchiere, filmati in cui mostrava la sua forma eccezionale , una parentesi da coach e speculazioni...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: