Connect with us

Hi, what are you looking for?

UFC

Nella mente di Zabit. Perché uno dei fighter più talentuosi in UFC sta pensando al ritiro?

Zabit Magomedsharipov

Zabit Magomedsharipov è un atleta fra i più forti nel panorama mondiale delle mixed martials arts.

Tecnico, veloce e dotato di una fantasia strabiliante che gli ha permesso di regalare momenti di puro godimento a tutti gli appassionati. Eppure, nonostante tutto questo, la sua carriera sembra sempre più appesa a un filo.

Secondo un recente rapporto del quotidiano russo TASS, Magomedsharipov starebbe seriamente prendendo in considerazione l’idea di abbandonare le MMA. Niente di ufficiale in questo momento, ma anche un’altra fonte vicina a Zabit ha confermato che c’è un’alta possibilità che il talentuoso peso piuma non gareggi più.

Ma che cosa sta succedendo veramente?

La stella del 30enne Magomedsharipov è deflagrata in UFC nel 2017 e da quel momento per lui sono state solo vittorie, sei di fila per la precisione. Sotto i suoi colpi sono caduti anche combattenti importanti come Calvin Katter e Jeremy Stephens. Un cammino che sembrava orientato verso una chance titolata e invece tutto questo non è mai accaduto.

Zabit avrebbe dovuto affrontare Yair Rodriguez nell’agosto del 2020, ma il suo avversario è stato costretto a ritirarsi per un infortunio e UFC non è più riuscita a trovare un sostituto all’altezza.

Troppo forte per dargli un fighter fuori dalla top 3. Ancora presto per spedirlo subito in un match per il titolo. Un limbo nel quale Zabit galleggia dal novembre 2019 e che lo ha scaraventato in una dimensione al limite della frustrazione.

Considerando che il daghestano ha combattuto quattro volte in un anno all’inizio della sua carriera in UFC, questo lungo stop lo sta letteralmente logorando e spingendo verso il ritiro. Allo stato attuale delle cose è altamente improbabile che la promotion si lasci scappare un talento del genere, ma le soluzioni e i giochi ad incastro sono davvero pochi.

Con il match per il titolo fra Alexander Volkanovski e Brian Ortega che si disputerà entro la fine dell’anno e con gli altri contendenti come Dan Ige e Chan Sung Jung che si affronteranno a giugno, l’unica ipotesi è quella di un match contro Max Holloway.

Una sfida di altissimo profilo che da una parte potrebbe dare a “Blessed” ulteriore credibilità per una nuova occasione titolata dopo la doppia sconfitta con Volkanovski, e a Zabit la chance che aspetta da tantissimo tempo per dimostrare tutto il suo valore.

Solo così, forse, i fantasmi che aleggiano nella mente di Magomedsharipov potrebbero sparire e a beneficiarne non sarebbe solo lui, ma anche tutti i fan che attendono con ansia di rivederlo all’opera nell’ottagono.

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: MATCHMAKING: gli scenari futuri per i fighter vincenti di UFC 262

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe piacere

UFC

UFC 262 è ormai archiviato, ed il titolo pesi leggeri lasciato vacante da Khabib Nurmagomedov è stato conquistato dal brasiliano Charles Do Bronx Oliveira...

UFC

L’ex campione dei pesi medi UFC Michael Bisping, nonché attuale commentatore UFC e owner di un seguitissimo Podcast, con un Tweet poi subito cancellato,...

UFC

Buongiorno dalla redazione di TuttoMMA. Come ogni mattina vi proponiamo la rassegna stampa con le ultime notizie provenienti dal mondo UFC. Ecco le news...

UFC

Un vero campione non dimentica mai le sue origini, soprattutto se quelle stesse origini gli hanno permesso di fortificarsi nello spirito e nel corpo....

Speciali

Charles Oliveira è salito sul trono dei pesi leggeri UFC dopo aver battuto Michael Chandler in un match destinato a rimanere nella memoria di...

UFC

UFC 262 è stato un evento memorabile e ha visto avverarsi lo spettacolare sogno di Charles Oliveira che, dopo più di dieci anni nella...

UFC

Per chi si fosse perso il match o semplicemente per chi vuole gustarsi nuovamente la sfida, ecco le fasi salienti del main event di...

Interviste

L’alimentazione ha un ruolo fondamentale e nevralgico nello sport. In particolare nelle discipline con un dispendio di energia molto alto come negli sport da...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: