Connect with us

Hi, what are you looking for?

- News, esclusive, approfondimenti e interviste su UFC, Bellator e tutte le MMA internazionali ed italiane
Illustrazione a cura di Emanuele Girlanda

Focus

UFC, la resurrezione mentale di Jorge Masvidal: dalla strada alla gloria

Jorge Masvidal è decisamente assodato tra le star UFC, il 2019 è stato il suo anno, detiene la cintura BMF ed il record per il KO più veloce della storia della promotion. Ma combatte come professionista dal 2003. Sedici anni per diventare uno dei nomi più caldi nella categoria più calda della più grande promotion di MMA al mondo. Sedici anni. Quando Masvidal ha iniziato a combattere Nick Diaz (qui la sua storia) era appena entrato in UFC, il Nokia 3100 era il telefono più gettonato e “In Da Club” di 50 Cent era in testa alle classifiche mondiali.

Prima del debutto, chiunque sa che Gamebred ha spopolato su YouTube con i “backyard fights” condotti da Kimbo Slice, vincendo per resa contro il protetto di quest’ultimo: Ray. La paga di questi combattimenti da strada era di circa 1000$ per a vittoria e a Masvidal servivano eccome. Infatti, la sua famiglia di padre cubano e madre peruviana viveva una condizione economica decisamente poco agiata. Il padre Jorge Masvidal Sr. fu arrestato per questioni legate alla droga quando Gamebred aveva soli quattro anni e rimase detenuto per diciotto. La madre era rimasta sola col figlio, che non ha perso tempo nel diventare una testa calda continuamente coinvolto in risse, motivo per cui fu espulso dalla scuola. Dai “backyard fights” il nostro BMF guadagnava qualcosina, ma dopo quei momenti di gloria ha addirittura passato un periodo a dormire in macchina.
Non una vita facile, ma tra il padre che usciva di prigione e Masvidal che iniziava la carriera da pro la svolta era nell’aria.
Da lì Strikeforce, Bellator fino all’esordio in UFC nel 2013.

Masvidal qualitativamente è sempre stato notevole: ottimo striking, wrestling e BJJ validi e un mento piuttosto ferreo (una sola sconfitta per KO, una per sottomissione e il resto per decisione). Ciò che è mancato a Gamebred fino al 2019 è stata la tenacia e il veleno per chiudere i match prima del limite: troppe sconfitte per decisione, spesso per split decision. Ma un anno di stop per infortunio prima del 2019 ha cambiato le carte in tavola, portandolo a compiere una vera e propria resurrezione mentale nell’approccio al combattimento. È stato in grado di accogliere gli errori e la mancanza di ferocia dei match precedenti, e trasformarli in lezioni e apprendimento di mindset che lo hanno portato ad essere dov’è ora. In un anno tre vittorie per KO/TKO, la cintura BMF, il record per il KO più veloce della storia.

Sotto la maggior parte dei post più recenti di Street Jesus vediamo l’hashtag #TheResurrection: così chiama il periodo di ascesa recente che lo ha portato dov’è ora e non possiamo che confermare la veridicità di questo termine e di questo hashtag. Jorge Masvidal è definitivamente risorto e per quanto il termine possa essere ricondotto a questioni fisiche legate al superamento dell’infortunio, la resurrezione del BMF è soprattutto psicologica.
Si legge negli occhi che ha quando sferra qualsiasi colpo, nelle espressioni intrise di tenacia e forza, nella spingersi con cattiveria verso un obiettivo: chiudere prima del limite.

In italiano si dice “sbagliando si impara”, in inglese è più bello:”win or learn”, letteralmente “vinci o impara”, un motto che non contempla l’errore o la sconfitta, ma solo la capacità di mettersi in discussione ed imparare, accogliere dentro di sé la voglia di apprendere ciò che è mancato per non arrivare alla vittoria. E credo sia precisamente questo quello che è accaduto nella mente di Masvidal: sconfitte per split decision controverse trasformate in una sola lezione: chiudere il match prima del limite. E si è visto. Till e Askren all’ospedale, Nate Diaz fermato dal medico per il solito taglio sull’arcata sopracciliare destra, ma questa volta troppo profondo e imbarazzante. Jorge Masvidal vuole acquisire completamente il controllo dell’esito del match, il destino della vittoria. Si nota negli occhi, nell’impostazione, nell’aggressività, nella pressione che mette su qualsiasi avversario gli capiti davanti.

Tempo e sconfitte possono confluire nei più tristi decadimenti di carriera, ma possono insegnare se si è saggi al punto tale di ritrovare la propria fame e il proprio senso di autoefficacia e coadiuvarli nella determinazione e nella cattiveria. Perché in questo sport la violenza non risiede nel sangue e nelle gomitate, a volte risiede nella ferocia con cui si affrontano le circostanze sfavorevoli che il destino (e i giudici) mettono davanti ai fighter.
Possono servire sedici anni di carriera ed un passato da combattimento da strada per intraprendere la via vincente: non è importante quando, basta che accada. Dio lo sa e lo sa anche il Gesù della Strada.

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Le 5 walkout UFC più belle (e strane, soprattutto) di sempre

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Ti potrebbe piacere

Altre Promotion

Mike Tyson – Da qualche giorno gira sul web un video di Mike Tyson alle prese coi colpitori insieme all’Head Coach della Kings MMA...

Storie di MMA

UFC – José Aldo è uno dei più grandi combattenti di tutti i tempi e quando deciderà di appendere i guantini al chiodo entrerà...

Storie di MMA

UFC – Continuano gli aneddoti su Georges St-Pierre. L’ex fighter canadese ha rivelato giorni fa come, paradossalmente, non si sia mai divertito combattendo.  Del...

Altre Promotion

Brock Lesnar raccontato da Simone Altrocchi  2 Giugno, 2007. Los Angeles. Dynamite!! USA. La medaglia d’argento nel Judo di Atlanta 1996 Kim Min-soo viene...

UFC

One – Vitor Belfort pensa che sia tempo di cambiare. Il quarantatreenne, leggenda delle MMA, sta per avviarsi alla tappa finale della sua storica...

Altre Promotion

Mike Tyson – L’impossibile, a volte, può diventare possibile. Un mantra che negli sport da combattimento è sempre più attuale grazie ai sogni che...

UFC

Novità emergono dalla vicenda Jon Jones. Il campione UFC è stato arrestato giovedì con varie accuse, tra cui guida in stato d’ebrezza e uso...

Altre Promotion

Mike Tyson torna sul ring, ma per una causa nobilissima. A 54 nni compiuti, “Iron Mike” rimetterà i guantoni per una esibizione da 3-4...

Storie di MMA

UFC – Ci sono scene che sembrano confinate a restare nei film. Eppure nella vita di tutti i giorni accadono episodi che spesso rasentano...

UFC

Marvin Vettori e Karl Roberson si incrociano nella hall dell’albergo di Jacksonville, sede d’alloggio dei fighter impegnati nella Fight Night di mercoledì 13 maggio,...

UFC

UFC – Intervenuto ai microfoni di MMA Junkie, Karl Roberson ha sostanzialmente chiarito quali fossero i problemi che lo hanno costretto a saltare il...

UFC

UFC – Volete vedere un video ufficiale del match tra Marvin Vettori e Karl Roberson? Perfetto: DAZN è venuto in vostro aiuto. Sul loro...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: