Connect with us

Hi, what are you looking for?

- news, esclusive, approfondimenti e interviste su UFC, Bellator e tutte le MMA internazionali ed italiane

UFC

Khabib shock: “Mi ritiro, non ce la faccio più. Mio papà avrebbe voluto il 30-0, ma…”

UFC 254 – Una notizia assolutamente imprevedibile compisce il mondo delle MMA. Khabib Nurmagomedov annuncia il ritiro dopo aver portato a casa la vittoria contro Justin Gaethje, l’ultima di una carriera incredibile. Verrà ricordato come uno dei più grandi di sempre, andando a far compagnia a un altro russo nell’Olimpo delle MMA, Fedor Emelianenko.
Dopo due round durissimi, in cui si è visto un Khabib mai come stavolta in seria difficoltà, l’Aquila del Daghestan ha tirato fuori dal cilindro un double leg takedown mentre incassava un legkick e, ruotando intorno a Gaethje, ha portato l’americano a terra. Strangolato poi con un triangolo di gambe che è già leggenda, Khabib ha ottenuto la sua ventinovesima vittoria, e ha scaricato tutta la tensione accumulata nei mesi con un pianto liberatorio a centro ottagono.

Mai si era visto un Khabib così contratto e teso, mai abbiamo assistito a tanta difficoltà nell’imporre il gameplan contro un avversario. Il peso emotivo che portava sul cuore lo rallentava nel pensiero, almeno per i primi minuti del match. Poi il cuore del campione si è imposto, la memoria muscolare ha fatto il resto. Negli ultimi secondi del primo round ha fatto sudare freddo Gaethje portandolo a terra, mentre nella testa dell’americano scorrevano come in un flashback cinematografico le decine di takedown che il russo ha imposto ai suoi avversari. Spalle a parete ha esclamato un eloquentissimo e rassegnato “fuck!”.

La vittoria è arrivata dopo una girandola di emozioni da una parte e dall’altra, ma alla fine le MMA sono uno sport scientifico: due atleti combattono in un ring e alla fine vince Khabib. E stavolta non ci sarà nessuno a dire “la prossima volta Khabib va giù”. Non ci sarà una prossima volta. 

Dopo aver fatto svenire l’avversario, si è accasciato a terra e ha pianto per quasi tre minuti, senza freni, senza vergogna. Per la prima volta Khabib ha combattuto con il peso della morte di suo padre Abdulmanap, guida e mentore spirituale oltre che sportiva. Molto più di un semplice coach, molto più di un padre. Abdulmanap era il suo papà. E c’è una enorme differenza tra l’essere padre ed essere papà.

Al microfono di Jon Anik è stato diretto, senza fronzoli inutili, come il suo stile di combattimento. Talmente diretto che anche il telecronista italiano della UFC Alex Dandi ha interrotto la traduzione simultanea. Nessuno credeva alle proprie orecchie. “Questo è stato il mio ultimo match da professionista. Non combatterò più. So che il sogno di mio padre era che chiudessi la carriera con un 30-0 ma non ce la faccio, non posso andare avanti. L’ho promesso a mia madre, e sono un uomo di parola. A gennaio combatteranno Dustin [Poirier] e [Conor] McGregor, che ho strangolato entrambi. Da lì emergerà il prossimo contendente, e non sono interessato. Vi ringrazio tutti, ma non combatterò mai più”.

Così si chiude, a meno di improbabili ritorni, uno dei cicli più straordinari della storia di questo sport e, forse, di tutti gli sport. Il bambino che combatteva con gli orsi è cresciuto ed è diventato un uomo. L’uomo è diventato leggenda, e per qualcuno questa leggenda sarà il mito su cui costruire un’altra meravigliosa carriera inseguendo il sogno del G.O.A.T. Khabib. A noi, come spettatori, tocca il compito arduo, ma non troppo, di portare vivo con il ricordo di questa storia, e ritenerci privilegiati per aver assistito alla parabola umana prima che sportiva di un meraviglioso pezzo di cielo che brillerà per sempre nei nostri spiriti.

Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Ti potrebbe piacere

Storie di MMA

UFC – José Aldo è uno dei più grandi combattenti di tutti i tempi e quando deciderà di appendere i guantini al chiodo entrerà...

UFC

Mike Perry – UFC ha rilasciato un comunicato ufficiale in merito alla rissa in cui è stato coinvolto il peso welter Mike Perry. I...

Altre Promotion

Wanderlei Silva, chiamato anche “The Axe Murderer” (l’assassino con l’ascia), può essere considerato uno dei migliori pesi medi della storia delle MMA internazionali. Il...

Altre Promotion

Mike Tyson – Quando bisogna chiamare in causa qualcuno per fare un paragone in termini di brutalità il primo nome in cima alla lista...

Altre Promotion

Mike Tyson – Da qualche giorno gira sul web un video di Mike Tyson alle prese coi colpitori insieme all’Head Coach della Kings MMA...

Altre Promotion

Lethwei – Il Lethwei è una delle discipline più brutali e violente del mondo. L’arsenale a disposizione dei combattenti è illimitato e al tempo...

Video

Mike Tyson è in forma, lo ha dimostrato alle figure con il maestro della KingsMMA Rafael Cordeiro. View this post on Instagram Alpha! @miketyson...

UFC

Conor McGregor – Eravamo rimasti con il fighter irlandese bloccato in circostanze particolari in Corsica e invece adesso lo ritroviamo in una palestra a...

UFC

UFC – La notizia del ritorno del reality The Ultimate Fighter ci ha portato alla mente una carrellata lunghissima di flashback delle stagioni passate....

UFC

UFC – Ci sono eventi destinati a rimanere nella storia. Il match fra Khabib Nurmagomedov e Justin Gaethje andato in scena il 24 ottobre...

UFC

UFC – Chute Boxe: un songo per alcuni, un incubo per altri. Tra gli “altri”, però, ci sono spesso e volentieri proprio gli stessi...

Altre Promotion

Mike Tyson è tornato per davvero. Dopo tante chiacchiere, filmati in cui mostrava la sua forma eccezionale , una parentesi da coach e speculazioni...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: